El contagg

Giuliàn, m’avria detto nonno oggi,
mò t’el dico io co è el contagg, t’el dico anicò.

Le parole, Giuliàn, han drenta magie ciughe ciughe.
Foco, bestia, fame: el pensi, el dici, diventa el ver.
El contagg n’è minga cò de malattie,
è nta un gioco, com el piattarell.

Conta i giorni uno a un, drenta ccasa,
e nisciù se moa do sta.
Guarda che bel, fora alla finestra:
la salute e el tempo bon non stufa mai.

Conta i giorni e sparagna fiate,
come l’inverni conta el carcerate.
Pol durà, ma el contagg è el stess,
conta e conta, se ne va in tel cess!


Le altre storielle sono qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *