formikaio

L'eco del Peto n.5

De Classis Vita 

Narrant quae Patrizia pulchrum culum habebat: omnis in classem videbant et dicebant: "Cazzus!". Sed Marianna magna zappa erat et ad professoressam matematicae compitum zottavit. D'Antonius presit cinquem et per duas dias bestemmiavit; Bizzus, qui culus spanatus habebat, presit octus plus et pippas sibi tirabat. Philosophiae compitum factus est cum libros; Capoccettus frocius-que videbat sed non cazzum fregabat. Olim, cum suas ragaz-zam incintam remasit, D'Antonius in Giamaicam fugit et ibi remasit, Mariam Juanam fumans et Reg-ghaem ascultans. In Classem bancus liberus fuit et bidellus Remus asportavit. Sed, dum scalas scendebat, inciampavit et addob-bavit gridans: "Ghmvnnwnmsss..." et classem ridebat. Cum Vescovus (non Sofficinus Lucis et Sonix) scholae venit, concertus fuit; musicha merdae erat et omnis uscebant et in prato sbracabant. Barzakhi venit bestemmians et totius rientrare fecit, sed omnis a finestra uscibant, cum barzakhi sibi impiccavit. 

De Sega

Narrant quae pervertitus D'Antonius decem quattuor pippem ad dies sibi tirabat. Olim, cum pippam facebat, pallam explosit. D'Antonius dixit "Cazzspita!" et pallam raccolsit.
Bizzus, qui sextam decimam pippam sibi tirabat, vidit pallam et dixit: "Junonem scoppolatam!". Marcius Paccianusque, qui venturus fuit, gridabat: "Oddioddioddiood-dioooo!" et sbobbabat. Cipus, qui pokhem pippem sibi facebat, dixit: "Intra coscias est fessuram tam profundam quam scuram."
Lupus Gaysque, qui cazzus parvum habebat, vidit et non capibat, ipse pippas non sapebat sibi tiraret.
Catenam, qui ante professoressam magnam segam tirabat, mutandas bagnatas a sbobba habebat.
Vescovus (nostrus Sofficinum chartas habens) cum pinzettem face-bat, sed non godebat: minuscolus kazsus habebat. Formika magnas okkhiaias habebat, cum nottem non dormibat ut pippes tiraret. Puccius cum cannonem mollam scopabat, cum ferreus kazsus habebat et in figham non entrabat. Capoccettus dum dixit: "Nos simus, nos simus apud ibi?" et castratus fuit.


La Terra delle Karte

Cervelli abusivi, cazzate allusive, pippe abusive, abusi paztuali abusivi, tanta voglia di non entrare abusiva.
Computer truccati, carte truccate, motorini truccati con sotto marmitte bucate, il cervello di Livio è bacatissimo.
Papaveri e cane, la molla-cannone e le lacrime di Livio.. Le carte si, le carte no...
Le carte si, le carte no, ci siam fin qui, damigiane in fi-a;
puoi pianger sì, puoi pianger no, ma questa è la vita; prepariamoci le carte, non rechiamoci al campetto, la partita che ci aspetta, ma il computer non cell'ho.
Computer si, computer no, computer chiavato; computer no, computer sempre + no, ma non ho studiato. Io giocare ci vorrò, ma il papà mi dice no. Con la punta della penna piano pian lo fregherò. La penna si, la penna no, quintali d'inchiostro, il banco si, lo brucerò, che puzza di merda; La parrucca indosserò il pigiama non lo so, se mi scarabocchi il banco io piangendo esclamerò: "Gnagnagnagna.. Professor Cerri, Gnagnagnagnaa.. io sono un lagnone".
Viva il crogiuolo di carte, viva il coglione di Carlo, e quanti quintali di libri, ma un ciuffo grande così.
Il ciuffo sì il ciuffo no, ciuffo Gnamme, se famo 'na torta, e Peto sob, e Fiori prot, la terra delle Karte. Una Bizza in compagnia, una pippa da solo, in totale molto sesso, ma il Lupo non ci sta.
Bel culo su, bel culo giù, miliardi di ormoni, le pippe si, le pippe no, massaggio ai co---oni.
Una Bizza in compagnia, una pippa da solo, un totale di due occhiaie, ma il Lupo non ci sta.
Perchè la terra delle karte è la terra delle karte.

Anonimo Anguillarino





Il nostro viaggio alla scoperta dei motivi del nostro essere per ora termina con questo numero. Speriamo di aver risolto i vostri problemi (i nostri li abbiamo risolti) e ne approfittiamo per ringraziare Pepo (il Peto)

Creative Commons