Storielle

derimente
(7 dicembre 2003)

gggiuseppe faceva il falegname,
anzi fa-ceva il fa-legname
in pratica faceva il legname
poi scoprì un deposito di legname,
scoprì le-gname
ne sposò la più bella,
a dirla tutta la meno brutta
la più bella del re-ame
ma non per questo di stirpe re-ale
(quanto i nomi traggano in inganno,
in una parola trangganno)
gggiuseppe nel senso di 'io',
nel senso che non è dirimente
casomai deprimente,
in una parola derimente
ma il matrimonio non è tutto rose e spine,
è tutto fieno, un raffreddore da fiori,
un'allergia alle fiere primaverili
un matrimonio pieno in questo caso di legname,
anzi legnate,
legnate speciali, legnate 'asex'
nel senso di nè maschio nè femmina
solo legnate
noinomasesìperchèno?
torniamo alla storia di ggiuseppe, vi interessa, no?
abbiamo ancora qualche minuto prima di partire,
un minuto senz'altro derimente
in una parola a vostra scelta

el vin
(6 dicembre 2003)

nonna: buono el vin rosc!
nonno: eh buon, se lo dici te farà schif
nonna: e assaggl
nonno (assaggia): eh quest è bon per l'insalata!
nonna: eh?
nonno: eh, eh! Hai pers la sentuta?
nonna: eh, manca sol da perd la sentuta, mò co centr' l'insalata?
nonno: è bon com l'aceto!
nonna: giuliàn, è bon el vin rosc?
giuliàn: mi sa che è meglio se non lo dico.
nonno: dill' dill' che tant nun t'sente!
giuliàn: non mi piace, è troppo amaro!
nonna: eh?
nonno: ha dett ch'è na suzzaria, eh, dicev ben io.
giuliàn: pure quello bianco, quest'anno non vale niente.
nonno: eh? machestadì, quel bianc è bon che l'è bon!
nonna: ehia, quel bianc non val nient, è tropa dolcia.
nonno: ehia! son cent'ann che bive acqua e coccòla, che ne sai del vin!
nonna: n'el so, n'el so. E n'el sai manc'tu!
giuliàn: n'el so manc'io.
nonno: zitto, giuliàn. Io el vin l'ho fatt, e l'ho bevut.
nonna: tropp, l'hai bevut!
nonno: ehia ma la sentuta c'l'hai sol quando te par! va a fà el cafè!
nonna: è amaro el cafè! me non me piac.
nonno: sta ben con l'insalata!
nonna (bofonchiando): !°&"*$£" [parolacce varie]

pranzo in famiglia
(11 giugno 2002)

nonna: buonciòrn!
nonno (già brillo a mezzogiorno): eh buonciòrn a lu cazz!
giuliàn: buonciòrne! auguri!
nonno (bofonchiando): eh perchè 'sta strunz de li mortacc .. [si allontana]
giuliàn: tutt'apposto?
nonna: ciao FabbieDanièMattèAndrèValerGiuliàn!
fabio (mentre nonna cantilena i nomi di tutta la famiglia): gira la ruota, gi-ra-la!
nonna: mmggrr! Il nome l'ho dett giusto! Mettetev'asseda che è pront lo squatton!
giuliàn: bono lo squatton! [lo "scattone" è una tazza di vino rosso invecchiato, pasta e acqua di cottura; lo scattone di nonno è solo vino e pasta]
nonno: è finita la sambuca .. qua'stronz l'ha nascosta!
nonna: io? ma che nascosta, quo'stronz se l'è finita!
giuliàn: ma come, finita! Ho portato un litro la settimana scorsa!
nonno: lo vedi? Diglielo tu a qua'stronz!
fabio (già brillo anche lui): evabè useremo il whisky!
nonno: non se pole, qua'stronz ha nascost pure el uisch!
nonna: ebasta e zitti! mangiate el poy [pollo]
nonno: el poy? Diglielo che è el gatt!
nonna: ma che gatt? Questo è el poy! Mica el gatt c'ha l'ali!
nonno (incassa): e allora el gatt do'stà?
nonna: e io co ne sò?
nonno: hai nascost pure el gatt!
nonna (bofonchiando): !°&"*$£" [parolacce varie] 

el papa
(13 agosto 2000)

nonno: oggi ho visto el tigì che dicev del papa
nonna: embè
nonno: el tigì dicev che vengon un mlion de ragazzi a veder el papa
nonna: io dic che son tutti fess
nonno: ma centraran un mlion de ragazzi a veder el papa?
nonna: centraran
nonno: ma se ogni ragaz che vede el papa fa una cagata allora fann un mlion de cagate
nonna: embè
nonno: embè intasan la capital de merda
nonna: embè
nonno: embè ariva la puzza fin da noi
nonna: giulian, tu ce vai a veder el papa?
giulian: sì
nonno: non ci andar, che ci puzz la casa da piedi fin su al tett
giulian (perso): eh?
nonna: non ci badar, nonno è fess
nonno: giulian, se te sent che non ce la fa più, vai a cagar giù a el camp!
nonna: ma che dic, ci sta el bagn
nonno: è ver, non m'arcordav


el pomdor
(8 agosto 2000)

nonno: tu pisti el pomdor e vien giù el pomdor pistato
giulian: sì
nonno: una volta ho fatto la marmlat de pomdor
giulian: eh?
zio: giulian, zitto e impara
nonno: invece del sal nel pomdor c'ho mess el zucr
giulian: mmm
nonno: è venut il pomdor dolc
nonna: machestadì
nonno: una volta tu' patre ha fatto el doccio coi calzin
giulian: eheh (ride)
nonna: (rivolta a nonno) pure te una volta hai fatto el doccio coi calzin
giulian: eheheheh
zio: giulian, che te ridi, prima o poi lo farai pure te
giulian: (serio) spero de no
nonno: è più bon el pomdor zucrat che el melon salat
zio: eh te n'hai fatte troppe
giulian: (ricomincia a ridere) eheheh
nonno: el melon salat sa prop de schif
nonna: ebasta, mo te mazz
nonno: e tu che ne sai, l'ho mangiat sol io
nonna: bravo fess
nonno: e io m'arcord che in africa el pomdor era salat
nonna: mo te mazz
nonno: e el melon era dolc
nonna: mo te mazz per daver
nonno: in africa la gent è normal, mica come qui da noi
nonna: ma lo vedi che te voi fa mazzà
nonno: ma che te voi mazzà
nonna: mo' mazz un conill, ma te statent!


l'incuria
(22 luglio 2000)

nonno: e dopo na bela magnata, se magna l'incuria
nonna: giulian, tu lo sai co è l'incuria?
giulian: no
nonno: l'incuria è el cocomr
nonna: bono el cocomr
nonno: io m'arcord che da regazin nun me piacev el cocomr
nonna: eri stuppd
nonno: ero regazin, che ne sapev
nonna: pasame el pan
nonno: ma l'incuria mica se magna col pan
nonna: tutto se magna col pan
nonno: io da regazin mica magnavo l'incuria col pan
nonna: tu eri stuppd da regazin e sì stuppd anca na mò
nonno: e tu sì 'na brontolon
nonna: vabè, farò senza el pan


li gattin
(22 luglio 2000)

nonno: stamattin ho visto du' gattin
nonna: me l'hai già dett
nonno: eran piccolini e bel
nonna: ho dett che me l'hai già dett
nonno: però l'ho mazzati
nonna: hai fatto ben
nonno: l'ho mazzati perchè stavano a far la piscia sul let
nonna: hai fatto ben, si c'ero io li mazzavo io
nonno: però, pori gattin
nonna: mo' te mazzo pure a te
nonno: e io mica la faccio la piscia sul let
nonna: te mazzo lo stess, e faccio ben


storia di un Pandino
(19 maggio 2000 - By Formika,
Lollo, Pepo, Piko & Fudo)

adesso parliamo
no, ma io non ho niente da dire ..
ma veramente neanche io ..
io neanche.. e poi sto stretto qua dietro e si sta appannando il vetro ..
no, dai, non mi disegnate i cazzi sui finestrini ..
e che 'tte frega? ..
è che poi domattina si vedono spuntare i cazzi dal pandino ..
embè? ..
embè domattina la macchina la usa mamma ..
ah ..
ma chi era che voleva chiacchierare? ..
io veramente no ..
neanche io ..
no, basta, stasera si chiacchiera ..
vabbene, dai, sforziamoci di trovare qualcosa da chiacchierarci su ..
non mi viene niente ..
manco a me ..
annamo a Bracciano a pijà i cornetti ..
si, ma intanto si chiacchiera .. passiamo per Trevignano ..
ma insomma di che si parla? ..
boh .. mo' ci penso ..
che palle ..
epporcoXXXXX ..
dai, facciamo il gioco delle domande ..
ma che è il gioco delle domande? ..
è facile, si fanno le domande ..
ah ..
allora facciamo 'ste domande ..
chi inizia? ..
io no ..
io no ..
io no ..
io no ..
vabbè inizio io .. 1° domanda x il Piko ...... ecc.ecc.


la morte di Dio
(23 aprile 2000)

un cristiano muore e si ritrova in uno stanzone con un tizio che si rivela essere il Dio di una piccola tribù polinesiana .. il cristiano dice scusi, cerco Dio ... il tizio: Dio sono io e qui non ce ne sono altri, quello che cerca lei lo hanno inventato giù in terra .. io sono l'unico vero, mi dispiace ...

il cristiano: e ora come faccio? Io mi ero comportato bene per andare in paradiso .. lei ha un paradiso? 
il tizio: Sì, ma per entrarci lei doveva pregare me .. non quell'altro fantoccio .. quindi ora la ammazzo! ..

il cristiano:Ma non è giusto .. io non potevo saperlo .. eppoi Dio è buono quindi lei non può uccidermi 
il tizio: Ora la uccido veramente solo perchè lei crede di conoscermi e invece non ha capito un caaaaaazzo.. ma prima mi dica una cosa .. perchè dovrei essere buono? In fin dei conti anche il Dio in cui lei crede ne ha fatte di cattiverie .. nessuno gli ha mai detto niente solo xchè lo credevate più forte di voi .. ahahah .. una cosa che VOI avete inventato .. ahahah ...

e a questo punto il tizio inizia a ridere e ride ride ... ed alla fine muore dal ridere .. il cristiano assiste impassibile alla morte di Dio .. il cristiano rimane lì .. e si addormenta ... e si risveglia a casa sua .. era solo un brutto sogno .. uno strano, brutto sogno


www.formikaio.it quelli della list formusika formika page fuori dal tempo nekromancya commenti